Blog inaugurat in preajma sarbatorilor pascale 2009, an in care s-au împlinit 250 de ani de la moartea marelui compozitor.

sâmbătă, iunie 13, 2009

Nel dolce tempo - Pastorella coi bei lumi

George Frideric Handel.................... Cuvinte muzicale, ca o formula magica.....Ce sa mai zic de ... muzichie................. "Nel dolce tempo", cantata italiana pentru alto - compusa la Londra, 1710.
Interpretarea este absolut magnifica:


Recitativ:
Nel dolce tempo in cui ritorna a noi,
di novello colore adorna e piena,
la bella età fiorita, che u'dibetto d'amor ne
chim e invita,
leggiadra Ninfa e vaga
d'un ruscelletto in riva,
là dove in alto piu l'erba copriva,
vidi da lungi starai,
e di rose e viole il petto ornarsi.
Onde ratto ivi giunto, o Dio ! mirai.
Due lumi, un labbro, un seno, un crin si vago,
che n'arsi a un tratto e del mio ardo son pago.
Quindi volto a colei ch'ho sempre al core
dissi cosi, pietà chiedendo e amore.
Arie:
Pastorella, i bei lumi,
erbe e fiori anch'innamori,
pastorella del mio cor.
E quest'aure, e questi fiumi,
sussurando, mormorando,
per te sol parlan d'amor.
Recitativ:
Di pallido color la ninfa intanto
copri il bel viso, ed ostro poscia il tinse,
qual chi, temendo e vergognando,
suole mostrare in volto or rose ed or viole.
Pur aorridendo alfine onestamente,
a me rivolta disse:
Pastor, tua nobil alma,
tuo coatume gentil, tuo vago viso,
dolce fiamma d'amor destano ai core,
ma dell'amore è l'onestà maggiore!
Ond'io risposi allora:
Piacemi, bella, il tuo leggiadro aspetto,
ma piu dell'alma ancor la virtu rara,
onesta t'amo piu, piu mi sei cara.
Arie:
Senti, dite, ben mio,
cantar, dal bosco rio,
l'augelli ancora.
In questa piaggia e in quella,
lodar dite, mia bella,
i lumi, i labbri, il cor
l'onesto e fido amor,
s'ascolta ognora.

In continuare,Pastorella coi bei lumi, in aceeasi interpretare,insotita de peisaje impresionante:

Niciun comentariu:

Handel este un Jupiter al muzicii; ... al sau Aleluia a deschis cerurile. El rosteste cuvântul "minunat" ca şi cum toate trompetele ar canta împreună.  - Leigh Hunt, 1851